Pubblicazione | OIKOS

Posted on marzo 11, 2018 Under notizie

Tratto dal sito bianco oikos
In occasione della Festa delle Donne un articolo che parla di bianco e di giallo.

Arredare la casa di Luce e di Benessere: quando il Bianco si tinge di Giallo

Donne e uomini vedono il mondo con occhi diversi, e le donne lo vedono con un pizzico di colore in più. Può sembrare una frase ad effetto ma invece è tutto vero! Un recente studio ha dimostrato che le donne percepiscono i colori (e la luce) in modo diverso rispetto agli uomini; in particolare è stato assodato che le donne percepiscono un maggior numero di sfumature di colore rispetto agli uomini. Insomma, cari maschietti che molto spesso avete discusso con un’amica o una compagna se quella parete era di quel colore o di quell’altro, c’è solo un fatto a giustificarvi: l’evoluzione è stata generosa e ci ha fatto dono di una capacità unica nel suo genere, riuscire a distinguere, con grande semplicità, differenti tonalità di uno stesso colore: persino del bianco.

Ebbene sì, il bianco, il nostro grande e fedele alleato nei progetti d’interior, considerato da molti (ma non da tutti) come una tinta quasi scontata, è in realtà qualcosa di molto più complesso: non solo il bianco è un colore a tutti gli effetti, dotato di molteplici tonalità e sfumature, ma più degli altri colori possiede un legame indissolubile con la luce e la piacevolezza di un ambiente, e rappresenta la tinta neutra per eccellenza, a partire dalla quale, si può dar vita ad abbinamenti cromatici creativi personalizzati.

E qual è l’abbinamento cromatico capace di amplificare la percezione della luce all’interno di un ambiente? Certamente quello con il giallo.

Goethe diceva il giallo è il colore più prossimo alla luce del sole e nel farlo riassumeva quanto questa scelta possa fare la differenza in un progetto d’interni: il giallo stimola l’attenzione e l’apprendimento, acuisce la mente (è perfetto abbinato al bianco in un ufficio!), la concentrazione e la socievolezza (può essere piacevole in cucina!); è il colore che esprime movimento (provatelo in un corridoio!), corrisponde quindi alla ricerca del nuovo, del cambiamento; è sinonimo di vivacità, estroversione, leggerezza; è il colore con cui si omaggiano le donne l’8 marzo e pertanto racchiude anche un forte significato simbolico. Il colore giallo se adoperato sulle pareti, in contrappunto al bianco, o per accenti di colore nell’arredo, saprà portare tra le mura della vostra casa tutta  l’energia che avete sempre desiderato.

Ma quale bianco e quale giallo scegliere? Per quanto riguarda il bianco, ci viene in soccorso OIKOS con il suo progetto “White. Il Bianco Oikos, la pittura ecologica che arreda” che punta l’attenzione su come esista “un bianco” specifico per ogni luogo dell’abitare e che offre una collezione di materie e finiture in grado di enfatizzare il Bianco per arredare le pareti e le superfici della casa. Non esiste dunque un bianco univoco ed assoluto, come accennavo prima, bensì 187 proposte ecologiche di Bianco nel catalogo bianco oikos. Così come non esiste neppure una sola modalità di impiego e rifinitura.

Esiste piuttosto la possibilità “arredare” le pareti mixando una tinta muraria piatta con materia ecologica in diversi spessori e forme, capaci di restituire molteplici effetti sulla superficie – il tutto muovendosi in un ambito ecologico, costituito solo da materiali privi di sostanze tossiche.

E per il giallo? I toni del giallo che si muovono verso il verde, sono quelli che più si adattano ad un ambiente di lavoro e che quindi consiglio all’interno di progetti contract.  I toni caldi del giallo invece (oro, canarino, senape) sono tornati prepotentemente di moda per la zona giorno, sia per la tinteggiatura delle pareti che per l’impiego di complementi d’arredo, dunque ne consiglio vivamente l’utilizzo in ambito residenziale. Visto che siamo a Marzo, si potrebbe prendere in considerazione anche un bel giallo mimosa. Che ne dite? Il giallo mimosa, evoca forza, coraggio e vitalità.